Andiamo avanti, oltre la svalutazione

Metti che ci troviamo in una situazione della vita, a lavoro ad esempio, e facciamo fatica a concepire di poter “cambiare”. Che fare? i dico che intanto è bene ascoltarsi profondamente e con coraggio. Poi se l’ascolto è stato fatto bene ci può stare che magari sentiamo che dentro nel profondo di noi oltre agli immancabili ( per fortuna 😥) aspetti pratici,  che rendono difficile il “purtroppo sempre difficile cambiamento” , c’è anche un rumore di fondo a cui diamo il nome di “svalutazione” e che ad ascoltare bene dice – seppur in forme strane e non chiare tanto che è più facile decifrarlo partendo dalle esperienze – che più o meno “non valiamo” e che quindi non meritiamo nessuna posizione migliore perché tanto “questo siamo”!

Beh se dovesse capitare … che fare?  Io dico che per primo è bene imparare ad ascoltarsi e conoscere le proprie emozioni e farle emergere sempre più, renderle dignitose, libere e decolpevolizzarci. Sono cose umane, a ciascuno la sua area di svalutazione!

A più ampio raggio, poi, possiamo  vedere se questo mood lo ritroviamo anche in alte situazioni e stanarle. Una volta fatto questo lavoro prendiamo consapevolezza di un fatto, e cioè che queste sono “menzogna esistenziale” che ci raccontiamo.

Si tratta menzogne, perché se anche è vero che abbiamo delle fragilità e ci fa fatica riconoscercele ed accoglierle è vero anche che ovunque volgiamo lo sguardo possiamo vedere che di fatti in tutto quello che stiamo facendo “qui e ora” la verità è che  “noi valiamo eccome! “.

Il nostro valore reale ha nelle pretese uno dei suoi principali aggressori. Le pretese spesso si annidano nelle aspettative negative, vale a dire in tutte quelle cose che pensiamo di “dover fare” ed in tutti quei traguardi che “dobbiamo per forza raggiungere” per poterci minimamente sentire soddisfatti. Miraggio…lo sappiamo bene. Perché la meta della soddisfazione quando è drogata dalle pretese e dalle aspettative che non si fondano sull’amore per noi e la libertà  diviene una meta che non si raggiunge mai e che ci scappa di continuo alimentando rabbia e odio verso noi stessi, e svalutazione.

Il nostro valore si alimenta di accettazione pura e semplice delle persone che siamo, perché andiamo bene così come siamo, con i nostri talenti e con le cose che dobbiamo migliorare.

Passo dopo passo togliamo alimento al mood negativo e alimentiamo la consapevolezza su ciò che è buono per noi.

Affermo che possiamo scrivere una storia diversa di noi. Il nostro valore crea la vita che vogliamo e la nostra saggezza interiore è la nostra miglior guida, seguiamola.

Rompiamo le catene…e questo mi ha fatto ricordare un passaggio del film “Ricomincio da tre con Massimo Troisi. Il protagonista ci fa vedere bene quello che succede dentro quando non ci diamo un valore, ecco ora che lo sappiamo vogliamoci un sacco di bene, accettiamo le ns fragilità e riconosciamo i nostri meriti che sono tanti e… andiamo avanti.

Il titolo della Clip su you tube è “la gelosia” ma io ci vedo tanto altro.

Buona serata amici

Con il Counseling per trasformare “i pensieri svalutanti” e “Riconoscersi un valore”.

Siamo soddisfatti di noi, della nostra vita in generale?  Proviamo ad ascoltarci profondamente e rispondiamo autenticamente alla domanda: “Mi riconosco un valore?”. No, non è un compito per casa e non è nemmeno un compito facile a cui si possa rispondere con un semplice Si o No. Questa è solo una mia riflessione e penso che probabilmente la gran parte di noi si posiziona in uno dei valori che vanno dal  “Si con lode” al “Si, abbastanza” al “Si, però dipende” al “a volte si a volte no” al “quasi Si” al “non proprio SI” al ” poco” al  “No”.

Ovunque ci posizioniamo tra SI con lode ed il NO io penso che ogni momento è buono per iniziare a “riconoscersi un valore”, perché tutti “noi valiamo” e meritiamo di riconoscercelo. Il malessere e l’insoddisfazione sono la voce del nostro “valore” che è in sofferenza, quindi ascoltiamolo.

Per consolidare il nostro valore è utile avere sempre attivo il dialogo interiore  (che è diverso dalle famose seghe mentali), questo è un prezioso canale che alimenta e mantiene attivo ed a nostro favore la consapevolezza di noi stessi, delle nostre emozioni, in relazione alle esperienze che viviamo. In questo modo non rischiamo di addormentarci e saremo sempre i comandanti della nostra esistenza ed in grado di riconoscere di volta in volta gli ostacoli per scegliere ciò che è bene per noi, in armonia con il nostro progetto spirituale e per la nostra crescita.

La capacità di scegliere ciò che è bene per noi va alimentata, protetta e difesa. Va protetta dai pensieri negativi e svalutanti e delle immancabili sirene che ci seducono e spostano le responsabilità sugli altri (il lavoro, i colleghi, il partner, gli amici, i genitori, i figli, lo stato, il partito politico, la squadra avversaria ecc ecc). Su questi aspetti dell’animo umano è bene accendere una luce permanente di consapevolezza per non farci fregare e derubare il nostro prezioso valore.

Un valido aiuto può essere quello di fare percorsi di crescita personale, costellare quindi il proprio cammino anche di alleanze sane e relazioni in cui questa nostra decisione possa trovare un ambito speciale di ascolto, ricerca, dialogo e crescita. E’ necessario? Beh io dico che è uno strumento valido. In questo ambito il counseling è un ottima occasione per poter fare un percorso di crescita. Ci sono tanti professionisti Counselor, io stesso lo sono ma questo post non ha scopo promozionale della mia attività, quindi cercate e trovate quello che può andare bene per voi.

Oggi ho fatto qualche foto e mi piace condividerle con voi. In tutte io vedo l’affermazione di “io valgo”, anche noi valiamo e se percepiamo che ci sono degli ostacoli allora accogliamoci con amore e riconosciamo il messaggi che tramite essi ci arriva dalla nostra vita.  Abbiamo tanti strumenti per trasformarli in occasioni di crescita per fare emergere e splendere la nostra luce. Con il counseling, ad esempio, o con altri percorsi se li preferite…ma l’importante è non perdere di vista la meta e stabilire ottime e sane alleanze buone per ciascuno di noi.

 

 

 

 

Love food

Come certi cibi sono da evitare per i valori del colesterolo allo stesso modo certi schemi di pensieri ed abitudini sono da evitare per i valori del nostro benessere e per la nostra serenità. In un caso e nell’altro ci vuole tanta decisione e tanto amore.

Eppur si Muove

A volte amiamo ciò che facciamo, a volte ci è insopportabile… come il lavoro, per esempio. Gioie e dolori, una ricerca continua di armonia ed una continua sfida a superare e trasformare le difficoltà. A volte lo amo e mi piace, a volte no.

Io sono certo che ogni cosa che ci accade ha in se un importante insegnamento per noi e…e pregare è un modo per capire cosa è bene fare.

Stasera allora vi auguro buonanotte con un passaggio della preghiera al SE’ di Antonio Mercurio.

“Mio Sé Signore della mia vita e figlio del mio amore e del mio coraggio, quel che tu vuoi è giusto che accada e dove tu vuoi io voglio andare. Ma aiutami a capire perché mi hai messo in questa situazione cosa vuoi da me che io faccia? (…)”

Notte a tutti e manteniamo sempre libero il dialogo con la nostra saggezza interiore e stiamo pur certi che la risposta arriva e quando arriva grande è la meraviglia nel vedere che poi davvero tutto aveva un suo ordine speciale…anche se non era facile da vedere.

Eppur si muove.

 

Atelier Lavoro, Arte esistenziale e volo.

seabird-768584_1920

L’ambiente di lavoro è un laboratorio pazzesco, mette a nudo tutto e mette a nudo tanti. Tutti sappiamo vedere le criticità e le potenzialità degli altri ma solo chi ha coraggio e strumenti adeguati può scegliere di andare oltre e vedere le proprie, e se le assume responsabilmente e con intento trasformativo beh allora si fa l’arte e si fanno capriole esistenziali buone per spiccare il volo verso la prossima tappa del cammino della realizzazione di sé.

 

Esercizio pratico per cambiare e stare meglio 😊😉😃

Certi brutti pensieri, come certe brutte compagnie e certe cattive abitudini si possono bloccare. Una prima cosa molto buona che si può fare è evitarli, ignorarle (non negarle ma ignorarle), non alimentarle. Quando il pensiero si affaccia voi ritornte a fare, a pensare e ad essere pienamente presenti a voi stessi ed a quello che stavate facendo, ignorare le sirene voluttuose del lamento e non raccontare e raccontiamoci più la “solita storia”. Allenamento ci vuole ma il successo è sicuro. 😉

Mi prendo cura e alimento i miei progetti

sumo_leggimigratis_1491232088

Amo fare ricerca, apprendere sempre cose nuove, non mi spaventa piegarmi sui libri e amo circondarmi di fogli, penne, libri, rete, e ogni strumento utile alla mia crescita. Mi auguro di non smettere mai di studiare, e di avere stimoli a doverlo fare. E’ chiaro che questa parte di me esprime un mi modo di essere, una parte del mi progetto esistenziale altrimenti come te lo spighi il far parte di una scuola di formazione, di ricerca, di arte, saggezza e crescita personale tutt’assieme?  Quindi che dire, auguro buona crescita e tanto godimento a chi come me in questo momento sta facendo una delle tante cose che più ama. E per evitare che le cose che amiamo un giorno possano finire il mio suggerimento è continuare a coltivarle, stabilire legami di accrescimento, progettare e ascoltarsi sempre con autenticità e consapevolezza di modo che quando arrivano fasi ed ostacoli che ci distolgono allora ci facciamo trovare pronti come i lottatori di Sumo, si centriamo ancora di più, ci amiamo ancora di più, lavoriamo ancora di più, ci facciamo aiutare ancora di più e superiamo la burrasca…e andiamo avanti verso la ns meta.

In questo momento io e la mia storia stiamo approfondendo la conoscenza dei “neuroni specchio” e mi accompagnano un pò di libri di Giacomo Rizzolatti, che li ha scoperti.

20190831_115709879758703.jpg

Tecniche pratiche di riduzione dell’ansia

A lavoro: Fai bene il tuo lavoro. Non distrarti con il cellulare. Quando c’è qualcosa da fare falla e non rimandare. Rimani centrato e comportati in modo professionale, sii il professionista migliore che vuoi essere. Qualunque cosa accada avrai fatto bene il tuo lavoro e sarà un sicuro successo per la tua autostima e una sconfitta per l’ansia e per le cattive abitudini che non ci fanno crescere.

A scuola: Studia. I buoni risultati si ottengono studiando. Non distrarti a fare altro e otterrai ottimi risultati, garantito!

 

Responsabilità e Felicità🌻

(…) Se la responsabilità non è sostenuta da un autentico riconoscimento del proprio valore, potrebbe non essere  sufficiente per realizzare la propria vita ed essere felici.”

Passaggio dalla chiave di lettura del 39° Seminario di Cinematerapia che si tiene oggi pressio Istituto Solaris di Roma.

Buon fine settimana amici del blog🌈

grano e sole_Fotor

Siamo Bravi😊 e non fortunati

Non capita anche a voi di dire quasi senza pensarci  – quando abbiamo fatto cose buone –  di essere stati “solo” fortunati? E’ come un automatismo…ed è bene, lo dico subito, che impariamo riconoscerlo e disattivarlo per riappropriarci invece della preziosità del nostro essere “bravi”.

La dea bendata aiuta chi “fa cose”.

Quindi noi sappiamo essere “anche” bravi, facciamocene una ragione!

Me lo ha ricordato domenica mia figlia Emma dopo un match con una imprevista manutenzione idraulica. Alla fine l’ho fatta ed anch’io ho detto: “Per fortuna ho risolto! Emma mi ha ricordato che ho riparato la perdita perché sono stato bravo.

Il tema è stato approfondito recentemente anche nell’art del Dr. Giampiero Ciappina, direttore dell’istituto Solaris dal titolo ” La sindrome dell’impostore”, io vi ho portato la sintesi e l’approfondimento potete leggerlo cliccando qui.

Grazie a Emma, che è molto Brava.

Uno scatto d’amore

h 08:04- Lo scatto di oggi è un atto rivoluzionario. Ora mi fermo per la colazione e poi verso le 10 vi dico di più. Intanto buona giornata a tutti

h 10:20 ( scusate il ritardo 😊). Vi capita a volte di percepire il giudice interiore che dice: “No, non lo puoi fare!…Non sei all’altezza!…Non va bene!…Non è come gli altri!…e bla bla bla?

Se vi capita allora immaginate la scena prima della foto. A me diceva pressappoco: ” E basta con le foto dei fiori!!! Hai già fatto quella usate per l’articolo dal titolo “Rinascita“!!! Tutti mettono foto di fiori!!! Devi essere più originale!!! Se non fai foto fa premio Pulizar meglio non farle!!!

Ho ascoltato tutto in silenzio e guardavo il fiore. La mia saggezza mi ha sussurrato la parola “Amore” e così ho preso il mio telefono ed ho fatto la foto che a quel punto era già molto più della sua bellezza naturale, era divenuta in me un progetto comunicativo e aveva attivato un travaglio ed una contrapposizione tra forze di amore e libertà da una parte e di odio e giudizio negativo dall’altra.

Ho trovato nel mi progetto attraverso il blog il giusto aggancio per rinnovare la forza spirituale che ci vuole ogni giorno e più volte al giorno per sceglierci e rinnovarci l’amore e la libertà di essere le persone speciali e creative che siamo. Dobbiamo lottare con il giudice interiore e con i sensi di colpa, dobbiamo farlo tutti. Io oggi ho fatto la mia capriola interiore per passare dal “non posso” al “scelgo di amarmi! Non ho la pretesa di aver eliminato per sempre questo aspetto della esistenza umana dalla mia vita, ma  riconosco come dice l’antropologia cosmoartistica che con l’arte ( fare sintesi tra opposti come amore e odio),  un progetto ( il desiderio di comunicativo),  la saggezza ( ascolto profondo ) e la decisione di trasformare il dolore ( perché ogni giudice interiore esprime un dolore sotto sotto) …. si può creare bellezza nella ns vita. Oggi è capitato con questo bellissimo e freschissimo fiore degno e di essere fotografato da ogni passante e pubblicato e condiviso.

Ciao a tutti e grazie.

 

 

45°Laboratorio Corale di Cosmo Art – I’m Coming

20190308_122426324831264.jpgCiao cari, domani ci sarà il 45° laboratorio corale di Cosmo Art e sono felice di partecipare, sono grato alla vita di poter partecipare a questo evento speciale, grato al mio cammino cosmoartistico che mi ha portato qui ,  grato alla mia bellissima sposa ed a mia figlia che mi fanno dono del loro tempo e mi permettono di partecipare, grato agli organizzatori dell’evento, grato ad Antonio Mercurio ed a Paola Sensini Mercurio creatori e fondatori della Sophia University of Rome , grato al gruppo Bottega degli artisti per la creazione della bellezza seconda, grato a tutti i compagni che arriveranno da ogni parte del mondo.

Cos’è un laboratorio Corale? Vediamo…, la cosa è molto semplice. Si tratta di un’ occasione in cui un gruppo di persone lavoreremo a partire dalla visione di un bel film. Il film è Joy, lo conoscete?  Non sarà un lavoro individuale bensì un lavoro “corale” e per corale intendo qualcosa in più rispetto al fatto di stare “insieme”. Chiaramente staremo insieme ed insieme lavoreremo ma abbiamo anche un obiettivo comune che è quello di creare ancora una volta quello speciale quantum di energia che sarà risultato di approfondimenti, esplorazioni, condivisioni, sintesi e superamenti, opera d’arte di persone, opera d’arte e bellezza che solo l’essere umano può creare.

Cos’è la cosmo art? Beh per questa vi rimando a questo link in cui vi sono 2 info mie e soprattutto interviste molto utili e ben fatte.

Joy-Movie-PosterLa protagonista del film è una donna che per difficoltà e problematiche familiari ha messo per un po’ da parte i suoi talenti e poi nel corso del film ci fa vedere bene come ora l’atteggiamento vittimismo ora la complicità con i comportamenti distruttivi di alcuni membri della sua famiglia non sono utili per far riemergere i suoi talenti ma, anzi, al contrario portano al fallimento.

La vita chiede a Joy di crescere e di divenire pienamente protagonista della sua vita e responsabile per la realizzazione dei suoi talenti. L’alleanza con le forse costruttive,  da sempre presenti, e soprattutto la consapevolezza delle proprie complicità (dolorosa verità ma anche preziosa risorsa) sono punti di forza per il suo successo perché ora  – come fanno gli artisti – saprà decidere di fare sintesi di tutto il suo percorso e avviare quella grande trasformazione che la porterà a rinascere come persona pienamente artista della sua vita che sa guardare in viso agli ostacoli esteriori (rappresentanti simbolici di sue parti) e che sa decidere di amarsi e di seguire i suoi talenti in modo diretto, pienamente presente e preparata e… il seguito sarà Arte e bellezza.  Brava Joy e ci vediamo domani 😊

 

Noi Siamo il Meglio🥰

Tendiamo a svalutarci un pò troppo pensando che non siamo bravi, che non siamo all’altezza ecc… Frequentemente a questo mood si aggiungono le Iene Ridens dei ns sensi di colpa che latrano e ci insidiano l alibertà. MA, dicevo, noi siamo meglio. Riflettevo in questi giorni alle cose che faccio, e che sono certo anche voi fate. Pensando alle tante nostre attività io affermo che noi tutti siamo il meglio, the best. Affermo questo perché tutto ciò che esiste nella nostra vita è possibile solo perché le cose “buone” che noi abbiamo fatto  e che facciamo sono state e sono molto più delle cose “cattive”.

Per azioni “buone e cattive” non mi rifaccio ad alcun giudizio morale.

Per azioni buone mi riferisco a quelle che sono state utili per la nostra crescita, o che ci hanno permesso e ci permettono di avanzare.

Per azioni cattive, all’opposto, mi riferisco invece a quelle che non ci fanno crescere e ci tengono bloccati.

E’ tutto per oggi. Buonanotte🖐🏻

The Butler- Un maggiordomo alla casa bianca

Frequentemente dopo aver visto un bel film sento il bisogno di spegnere la tv o il pc o lo smartphone che sia e…uscire in strada a camminare. Ho appena finito di vedere The Butler, esco a fare due passi come si fa quando si allunga la strada per stare ancora un po’ in compagnia con un caro amico e raccontarsi ancora.

Buona serata a tutti e ci vediamo domani

% di noi

Si dice che del nostro cervello utilizziamo solo il 20%, quindi che figo che sarebbe se riuscissimo a usare anche le  percentuali inutilizzate.

limitlessSecondo voi sono potenzialità buone quelle che non utilizziamo oppure stiamo utilizzando solo la nostra parte migliore?

Domanda esistenziale guardando il film Limitless che narra  chiaramente tutta un’altra storia e che pone tanti altri temi, come la volontà di dominio ad esempio, come il potere…ma quella è un altra storia.

 

Se lo sapesse la mia maestra😂😂

20190212_1911471762472427.jpg

Io nel mio piccolo sono uno scrittore. E’ una cosa che nemmeno io mi so spiegare ma sta di fatti che scrivo e pur non facendolo di mestiere mi posso comunque definire tale. Lo faccio strano e come noterete uso poco virgole punti e tante altre cose, questo purtroppo non so da cosa dipende e di certo non mi ha aiutato la prematura scomparsa nel mio cuore della maestra di Italiano alle elementari quando alla prima ingiustizia percepita ho detto che tra me, lei e la sua materia la partita era finita😴😴. Con il professore delle superiori poi non ne parliamo, non mi capiva…era chiaro così anche con lui dopo un pò abbiamo sancito un armistizio😣. Storicamente ho sempre avuto una avversione per ciò che mi “dicono di fare” salvo poi ritrovarmi a ripercorrere le stesse strade “a modo mio”. devo migliorare il mio rapporto con l’autorità👑…un giorno!

Oggi voglio dire dell’importanza di riconoscersi un valore. Non aspettiamo che siano altri a farlo e stacchiamo l’alimento del pensiero e del vivere “ruminante” contro il qualcosa o qualcuno che non vede in noi il grande talento che abbiamo dentro. Facciamo venir fuori ciò che amiamo e facciamolo venir fuori senza timore. Altri da cui attendiamo riconoscimento forse come noi attendono che giri il vento a loro favore. E’ una catena contagiosa il dolore e quindi prima lo capiamo e prima liberiamo le nostre ali. Scrivete se vi va di farlo e cantate se lo desiderate come ballare e come stare a terra in un prato per ore a guardare le scie deeglia erei passare. Facciamo quello che vogliamo e mentre lo facciamo riconosciamoci che ci piace tanto tanto.

Animiamo le passioni e le rivoluzionari, e se ci piace e ci fa stare bene continuiamo e quando siamo stanchi prendiamo fiato e poi dopo andiamo avanti ancora…ispiriamoci alle stelle e ricordiamoci che dentro di noi ci sono elementi della loro stessa materia, splendiamo e sintonizziamoci con il cosmo intero e siamo ogni giorno laboratori stellari e saranno tante le creazioni e i contagi creativi che attraverseremo il buco nero dei dolori che a volte ci frenano senza sapere come sia potutto succedere…ma sccccc silenzio non lo dite a nessuno …. io ho un idea e l’ho ascoltata ad un uomo saggio, dice pressappocco che possiamo trasformare il dolore e utilizzarne le energie a nostro favore. Il dolore quando arriva ci dice pressappoco che c’è qualcosa da cambiare, e per iniziare io consiglio di trovare un posto intimo e pregare ma non con l’intento di espiare bensì per mettersi in contatto con le stelle e far vibrare la materia buona dentro di noi.

La sindrome dell’impostore

Vi segnalo un bellissimo articolo pubblicato sulla rivista on line http://www.solaris.it.

Non riesci ad accettare un complimento? Ti senti un bluff? Sei convinto che da un momento all’altro, qualcuno potrebbe smascherarti? Benvenuto al circolo segreto dei competenti insicuri, titolava la prestigiosa rivista Scientific American.
E a sentirsi una specie di truffatore, una montatura che potrebbe crollare da un momento all’altro, sono in tantissimi. Singolare anche la storia pubblicata dalla rivista Le Scienze:  una studentessa di matematica, per aver superato tanto brillantemente un esame, riceve la prestigiosa proposta di scrivere addirittura una Tesi di Dottorato. Ma – incredibilmente – la rifiuta! Queste le sue considerazioni: «Davvero buona l’esaminatrice: mi ha chiesto solo cose facili. Sono stata fortunata. Adesso mi guarderò bene dal discutere con lei di questioni davvero professionali. Altrimenti si accorgerà che ho bluffato, e scoprirà tutto quello che non so».
“La considerazione esagerata in cui viene tenuto tutto il mio lavoro, mi mette a disagio e talvolta mi fa sentire un imbroglione, anche se involontario”. Albert Einstein
Sembra strano: ma uno dei più grandi premi Nobel per la Fisica – anche lui – soffriva della cosiddetta sindrome dell’impostore.  Continua a leggere sul sito www.solaris.it.

Counselor e Psicologi, alleati per il benessere è meglio.

Da anni in Italia si consuma uno scontro tra due professioni,  precisamente tra l’ordine degli psicologi ed i Counselor professionisti (a cui io appartengo).

Queste sono figure professionali presenti da decenni in tanti paesi del mondo e convivono senza problema.  Il loro ambito di operatività è diverso, i primi sono professionisti che si occupano di tutto ciò che attiene la sfera delle problematiche di natura psicologica mentre i secondi si rivolgono “solo” a clienti che vogliono migliorare il proprio livello di benessere e fare un percorso di crescita personale. Nulla impedisce, chiaramente, ai primi di essere anche Counselor e di offrire ai loro clienti anche queste competenze e professionalità… ci mancherebbe!

Insomma non se ne viene a capo, o almeno ancora le posizioni dell’ordine in Italia sono di aperta opposizione ai secondi accusati di occuparsi di tematiche di natura psicologica e come tale di loro esclusiva pertinenza professionale, chiaramente ai secondi (me incluso) questa accusa non piace.

La loro preoccupazione pressappoco si traduce in questo: ” siccome i Counselor durante il loro percorso di formazione studiano tante discipline e tra queste vi è anche la conoscenza teorica di elementi di psicologia ecco che per questo fatto – secondo loro – questi professionisti e  “senza averne titolo” svolgono una professione che non è di competenza, la psicoterapia appunto.

Chi tra i Counselor si improvvisa psicologo o psicoterapeuta commette un abuso di professione e come tale deve essere giustamente punito in base a quelle che sono le previsioni normative del ns ordinamento. Ma non per questo si può far passare il concetto che l’ambito del benessere e della crescita personale sono di esclusiva pertinenza della psicologia e della psicoterapia.

Cari psicologi in questi ultimi giorni tutto il vostro accanimento mi ha permesso di accrescere ancor più la consapevolezza sulle potenzialità del counseling e di come tale disciplina, ben lontana dal voler essere un furto ed una prevaricazione contro altre professioni, è invero una opportunità per tante persone.

Vedo con positivo indirizzo alla crescita di tale offerta di servizi per il benessere e la crescita offerto sia dai Counselor professionisti come me con alle spalle una formazione ultradecennale e una continua formazione e supervisione ma anche al counseling fatto da psicologi ( liberi di formarsi anche loro con attivazione e sviluppo di quelle competenze umani e relazionali che tante persone richiedono e che non hanno nulla a che vedere con la domanda di psicoterapia che è tutta altra cosa.)

Quindi che dire, dobbiamo tutti fare un passaggio di crescita e dobbiamo tutti stare attenti a chi si improvvisa e fa cose che non deve fare…ma questa è già un altra storia e accade in tutti gli ambiti e le professioni e sono tematiche della natura umana e che non attengono all’ambito di questa o quella disciplina, di questa o quella professione.