Scenario Politico Italia_7. Legge di Bilancio approvata, si parte.

architecture buildings business city
Photo by Pixabay on Pexels.com

L’autunno/inverno del dibattito politico ha visto la contrapposizione senza risparmio di critiche e giudizi feroci tra le forze politiche di opposizione e maggioranza. A detta dei primi la compagine governativa non sapeva dove andare a parare e stava portando il paese al baratro con una legge di bilancio che i secondi, invece, hanno battezzato come legge di bilancio “del popolo” e che, a loro dire, avrà il merito di invertire il declino del paese favorendo la ripresa economica da una parte e dando un pò di più a quelli che hanno di meno.
Insomma maggioranza e opposizione sono su posizioni opposte.

Non mi sono piaciute le modalità di approvazione della legge di Bilancio, non mi sono piaciuti i tempi stretti ma cavolo più che dare addosso al governo Giallo Verde mi chiedo se sarà mai possibile per noi Italiani riuscire a non fare le cose di corsa ed all’ultimo momento. Anche qui le posizioni sono opposte e non ci si risparmia nello scambio di accuse tra governo italiano e commissione europea che, a detta del governo italiano, un pò ha rotto troppo e ha mandato lunghi un pò tutti e sotto la minaccia di una procedura di infrazione per deficit eccessivo.
Numeri quindi, in questo momento storico si è parlato di numeri da mettere nei conti dello stato.
La legge è stata approvata e il presidente della repubblica, credo con sofferenza, l’ha promulgata anch’egli di gran fretta.
Comunque ci siamo.
Ora che la legge è fatta si parte a tutti gli effetti.
Valuto positivamente la disciplina del reddito di cittadinanza, altrettanto positivo valuto un intervento sostanziale (ancora da fare) e forte nella direzione della riduzione della spesa pubblica improduttiva (E ce n’è tanta tanta!!). Positivo è per me anche un taglio a certi livelli pensionistici che non hanno una corrispondenza con i contributi versati.
Ah…non mi piace l’ampliamento ad € 150.000 del limite di affidamento senza gara pubblica, credo che non piaccia anche alla quota maggioritaria del governo e che hanno dovuto ingoiare il rospo.
Altri provvedimenti sono così così, vedasi la pace fiscale e poi ancora c’è il tema della flat tax su cui speriamo possa essere un valido impulso per liberare risorse che possano incrementare investimenti ed opportunità di lavoro.
Certo una mano anche al costo del lavoro ci poteva stare ma capisco che se non si tagliano le spese come si fanno a ridurre la pressione fiscale…mah.

Come sapete io non sono uno favorevole all’alleanza tra i five stairs e la lega.
Non ho nulla contro Salvini, le sue visioni politiche sono differenti dalle mie…semplicemente ed io alle sue mi oppongo.
Come ministro dell’interno lo vedo un pò bulletto, soprattutto con i deboli.
A Roma aspetto il momento in cui ci sarà anche lo sgombro di Casapound.

Continuo a vedere in lui una dei principali rischi per la tenuta del governo.
I 5 stelle vanno avanti e stanno cavalcando l’opportunità fornitagli anche dall’alleato di governo Salvini per portare a casa alcuni punti del loro programma.
La legge anticorruzione è un ottima legge, mi piace e sono lieto che sia andata in porto.

Il nuovo è iniziato e tra poco entreremo in campagna elettorale per le Europee, terreno di scontro tra tutte le forze politiche incluse quelle che in Italia sono contraenti del famoso contratto di governo.
Se il leader della lega dovesse avere grande consenso, e credo che farà di tutto per alimentare l’antieuropeismo condendolo con vittimismo e rabbia che tanti voti portano, beh non escludo che con un consenso ampio non possa decidere di fare il colpo gobbo e prendere a pretesto un provvedimento in disaccordo per buttare tutto in crisi e giocarsi anche in Italia la carta cui lui tanto ambisce, vale a dire leader del centro destra e candidato presidente del consiglio…si perchè io alla rottura del patto con Fratelli d’Italia e con Berlusconi non ci credo per niente…a me mi pare tutto un bluff.

Ma basta dire di Salvini!

Mi sta piacendo sempre più il presidente del consiglio Conte, mi da una sensazione di tranquillità e competenza e credo che preso tra i due leader e vice premier stia facendo davvero un gran bel lavoro. Lui si sta ricavando un ruolo, o meglio pian pianino leggo e mi arriva la sensazione che il suo ruolo inizialmente subalterno e di portavoce di accordi tra i suoi vice ora stia crescendo e che soprattutto sia una buona persona al servizio del paese.

Scenario Politico Italia_4 Aggiornamento: 15 Maggio 2018

Le emozioni legate allo scenario politico di questo momento sono:

1.Indispettito – In questi ultimi giorni il tentativo delle forze politiche M5S e Lega si sta sviluppando tra movimenti alternanti di fiducia e sfiducia, a seguire dirò anche il mi punto di vista su questa iniziativa ma ora voglio parlare di ciò che mi indispettisce. Mi indispettisce sentire tanti che si spacciano per saccenti e che con sufficienza e/o con scherno criticano in senso negativo l’idea di un “contratto”, che a me pare una buona idea a prescindere dai risultati che porterà.
Mi indispettisce da sempre quando si accusano alcuni competitor di essere privi di esperienza, mi indispettisce perchè penso che in qualche misura in quel posto potrei esserci anche io e mi indispone chi pone la mancanza di esperienza su un piano più alto rispetto alle potenzialità. Credo che chi a distanza di anni e mesi ancora colpisce con questi motivi offende tutte le persone che in potenzialità “possono” dedicarsi alla cosa pubblica.
2. Preoccupato – Non credo sia stata una buona idea quella dei 5S di avviare l’intesa con la Lega. Non lo penso per il fatto che quest’ultimo ( come tanti commentatori scrivono da tempo) non si pone come soggetto negoziale indipendente. L’ambivalenza di quest’ultimo soggetto, anche a contratto sottoscritto, tenderà ad emergere generando un clima di continui distinguo e soprattutto andamento dell’azione di governo a singhiozzo e con non poche polemiche e prese di posizione che già nel breve periodo potrebbe rivelarsi fallimentare tanto per il paese quanto per chi a questa idea di contratto si è legato.
3. Dubbioso – Non credo la lega abbia intendimento di approdare ad una azione di governo con i 5S. Penso piuttosto che questa fase negoziale non vedrà la luce e che la rottura sarà carica di tensione e accuse reciproche. Si genererà un clima di confusione ulteriore in cui il presidente della repubblica tornerà alla carica con la richiesta di un governo di responsabilità. Le forze politiche di centro destra con l’appoggio del PD a questo punto potrebbero approdare ad un nuovo governo che stavolta si chiama “neutrale” ma che è solo l’ennesimo capitolo della lunga filiera di governi tecnici e dell’ampio inciucio trasversale in parlamento e che da molti anni ha praticamente spostato la sovranità dal popolo al palazzo…e questa cosa non va bene!!
Temo per i 5S che ci sia una strategia che voglia farli fallire miseramente di modo da portare questo periodo come prova – la pistola fumante – della loro incapacità per metterli nuovamente all’angolo, isolati nell’attesa che pian piano si esaurisca la loro forza propulsiva ( io non credo che il movimento sia esperienza politica di lungo corso, credo piuttosto che sia forza con obiettivo di realizzare nel bree periodo alcune riforme molto vicine al modo di sentire “popolare” per poi sciogliersi dopo aver lasciato nel sistema un segnale di maggior attenzione per i temi portati).
4. Delusione – No, l’accordo con la Lega non mi piace.

5. Disponibile – Spero tuttavia di sbagliarmi alla grande e che alla fine si riesca a fare davvero cose buone, in quel momento volentieri scriverò che ho preso una cantonata.

Scenario Politico Italia_2. Aggiornamento

governo-italiano

Il 5 marzo ho pubblicato un post, potete leggerlo qui. In queste settimane ho pensato spesso a quel post e con un pizzico di soddisfazione anche nel vedere come le previsioni allora fatte hanno descritto bene una fetta delle recenti dinamiche tra le forze politiche e di queste in rapporto agli organi dello stato, principalmente il Presidente della Repubblica.

Nulla ancora è chiaro e ho la sensazione che si stiano giocando strategie molto profonde e minuziose. Se ne sentono tante in questi giorni e sinceramente io una soluzione non l’ho. Io sono del parere che si debba subito tornare a votare, non credo alla ipotesi di mettere su un governo del presidente con il solo obiettivo di fare una legge elettorale che permetta di avere a fine scrutinio “un governo”, questa ipotesi non mi piace perchè siamo in Italia e sappiamo bene che per fare una simile operazione possono passare anni e anni e magari tiriamo fuori dal cilindro una legge elettorale anche peggiore di questa. Dunque che fare? Ripeto, io non lo so. Ora che il partito più votato, il M5S, ha chiuso il canale con la Lega non credo che l’ipotesi con il PD, similarmente, andrà in porto e comunque anche laddove andasse in porto non avrebbe numeri che permettano un ipotesi di lungo termine; sarebbe un dramma governativo reiterato per settimane e mesi fino e condito con cascate di polemiche ed accuse reciproche.

Salvo dunque un dietrofront con la lega che decide di rompere l’accordo con Berlusconi, che ne spara di brutte e insopportabili una al giorno, io vedo solo elezioni all’orizzonte per avere una forza che superi il 40% e possa avere il premio di maggioranza previsto dal rosatellum (di questa ipotesi però vado “per sentito dire” e mi devo informare meglio) .

Domanda: E se alle nuove elezioni siamo di nuovo come ora? Beh…sono cavolacci su cavolacci…ma mi auguro che non accada. Che le alleanze se non sono buone i dico che è meglio che non si facciano e basta.

Voi, invece, cosa vorreste che accadesse?

The day after_Elezioni 4 Marzo 2018. E ora quali scenari?

Screenshot-2018-3-5 Risultati elezioni Politiche 2018 – Tempo reale – 4 marzo 2018

E’ ORA? AND NOW? E MO’?

Quasi chiuse le urne ora si deve decidere come andare avanti. Le urne non hanno dato una maggioranza. E mo? Allearsi o non allearsi?
L’Italia terra di poeti e di santi e navigatori ma anche di grandi consapevoli casinari. La legge elettorale cd. Rosatellum non ha dato utilità pratica ma ha avuto da subito il merito di aver unito il paese delle persone, dei politici e dei commentatori che da mesi recintano il mantra che: “nessuno “da solo” può fare un fico secco”. Risultato azzeccato!
Dunque che fare? Chi mollerà l’osso?

Sbilanciamoci dunque, voi cosa ne pensate? A seguire una mia breve riflessione su cosa potrebbe/mi piacerebbe che accada:

La mia proposta? Eccola:
Un programma di “legislatura”
Domanda: “Si ma…il programma di chi?”
Risposta: Il programma sarà fusione di quello dei 5 Stelle chiaramente e quello di qualche altro partito ( magari anche il PD con Renzi dimissionario e con LeU). Il programma di legislatura dovrà necessariamente essere fusione di opposti e chissà magari anche meglio dei singoli programmi elettorali. Una volta trovata la quadra si rende necessaria una consultazione tra gli iscritti dei gruppi politici proponenti per “avallo”.
Domanda: Dici che si può fare?
Risposta: Secondo me si può fare. Ora è da vedere se lo si “vuole fare”.
Domanda: Alternativa?
Risposta: A breve grande caos e grande confusione istituzionale. 2 opzioni: la prima è che il Presidente della Repubblica dopo che nessuno si mette daccordo e dopo averle provate tutte riscioglie le camere e rimanda al voto con il Rosatellum della serie :” vediamo che succede!”; oppure la seconda è che si crei ad hoc il clima istituzionale e mediatito (vedi Presidente Della Repubblica e campagna stampa e mediatica senza precedenti ) per cui si crei il “bisogno” di un governo tecnico con l’obiettivo di fare legge elettorale adeguata a dare una cavolo di maggioranza e poi si torni a votare. In questa seconda ipotesi però c’è di mezzo il fato, perchè vedete poi possono succedere tante emergenze e magari serve un governo tecnico che permanga per gestirle e così permani oggi e permani domani ti ritrovi che vai avanti … fino a quando il nemico non sarà deteriorato e ci saranno le condizioni per andare a votare di nuovo senza questi cavoli di grillini. Come al palio di Siena, dunqua, ci si può piazzare “di rincorsa”.

Voi cosa proponente? Cosa vi piacerebbe?

Io, il cellulare e un pò di storia_6

MOTOKRZRUna Commessa: Complimenti lei lo sa che ha un bel numero di telefono?
Io: Un bel cosa? Cioè cosa intende?
Lei: No guardi, è una specie di deformazione di noi che lavoriamo con i telefoni. I numeri di telefono che hanno una ritmica e delle ripetizioni noi diciamo che sono belli, ed il suo lo è.
Io: grazie, non avevo mai visto a questo aspetto ritmico estetico.
E voi avete un numero di telefono bello o brutto?

Non so cosa mi piacque di questo cellulare, boh…forse sono ricaduto sullo “sportellino”. Entro nel mondo Motorola, l’apparecchio funziona bene ma ha un piccolo e odiosissimo difettuccio…quando ricevevo un sms stava in continuazione a mandare il messaggi di avviso. Ora non c’è nulla di male in questo e anzi può anche essere utile… Ma come la mettiamo per tutte le volte in cui non vi va di alzarvi dal letto e c’è questo fastidioso avviso che ogni 5 minuti vi rompe le scatole? Insomma a partire da questo apparecchio ho preso la sana abitudine di spegnere il telefono di notte. Ma Stop…ho già detto troppo di lui! Cambio ritmo, su il sipario entra in scena la vita…la mia vera:

E di lei canto
Di una stagione calda
E di visioni
Spiagge e case bianche
E di sole
Ad attendere maggio
Un pianto strillante
Gioia di manine piccole
Addio lunghe dormite
Pannolini e pappette
Canzoncine
Colpito e affondato
Completamente cotto
Di vita io canto
E cellulari tenuti bassi bassi
Che la principessa dorme
E noi a vegliare
Che nulla disturbi
Il tempo dei sogni ancora
Ed il resto è sfondo
…può attendere.

daZeroaInfinito.com … che divento papà…colpito e abbattuto. Poi al riemergere dopo qualche anno entro nel mondo degli Smartphone. Cavolo quanto tempo è passato dal 2000…cavolo come corre il tempo…cavolo bisogna essere veloci…e anche loro, i nostri apparecchi,  ce lo ricordano di continuo, dobbiamo essere veloci e perennemente connessi e pronti alla condivisione…al controllo in tempo reale…se ci va!

Io, il cellulare e un pò di storia_5

k320_Se“Tempi Moderni”, con questo apparecchio entro nella fase 2.0. Apparecchio con display a colori, fotocamera, bluetooth e tante altre cose che poi, detto tra noi, non ho usato. Inizia la fase dei telefoni che non pago, o meglio che pago in modo improprio. Aderendo ad una operazione a premi con il mio gestore ecco che nel 2005 ho accumulato una quantità di punti (si chiamavano “lune”) e mi spetta un premio, ed il premio che scelgo è lui, Il cellulare Sony Ericcson. Devo dire che con questo apparecchietto mi ci sono divertito; seppur con pochi megapixel rispetto ad altri modelli in commercio ho iniziato a utilizzare in modo “importante” lo strumento fotografico. E credo di non essere stato il solo a ben vedere visto quanto successo ha e quanto prende piede il fare foto e la condivisione.

cinematerapiaNel 2005 mi iscrivo al Master in Cinematerapia dell’Istituto Solaris, scrivo anche alcuni articoli sulla rivista on line Solaris.it. e se siete curiosi potete leggerlo cliccando qui.  Mi piace molto questa esperienza e ci prendo gusto, la porto avanti e non mollo.

italia-campione-del-mondo-2006Nel 2006 anche noi usufruiamo della fase espansiva dei mutui e così ci compriamo una casa e diventiamo intimi con Unicredit, giusto in tempo per festeggiare la vittoria ai mondiali in Germania…e poi nel 2007 con questo apparecchio ci vado a nozze, non in senso figurativo ma reale…il progetto di coppia cresce.

La mia posizione lavorativa seppur nel nuovo modello di forme contrattualistiche “moderne” è abbastanza precariamente stabilizzata, firmo una quantità importante di rinnovi contrattuali che per elencarli tutti ci vuole un contabile. Fin che dura io ci sono.

Ho volato per la prima volta in vita mia,  primo volo “Ciampino – Saragozza” e mi è piaciuto tanto. Se avevo paura? Eccome!

Dunque anche questo aggeggetto ha percorso con me un pezzo di storia e di cose importanti…ma al rientro dal viaggio di nozze mi serve un altro telefono, nuovo giro e stavolta si balla.

daZeroainfinito.com … che stavolta non mi dilungo troppo dato che ho già il prossimo articolo che spinge per voler dire cose sue.