Invito per gli amici. Ho un progetto corale di Amore nel cuore ed ho bisogno di voi per realizzarlo.

Cari amici ho un progetto nel cuore mi frulla in testa da ieri e ve lo voglio raccontare e con voi per realizzare.

Voglio realizzare un evento collettivo (che nasce dal blog) in cui far convergere le nostre energie di amore intorno al progetto di realizzare una preghiera corale di amore. L’evento inizierà domenica 24 marzo – con un mio post ad hoc – e terminerà lunedì 25 alle 23:59.

Io l’ho pensata così:

1 – Io avvio un post sul blog domenica mattina, in questi 2 giorni i commenti non saranno moderati e quindi saranno immediatamente visibili.

2 – Ognuno di voi aggiunge un pensiero, una frase nei commenti, io di volta in volta li integro nel corpo del post di modo da vederla crescere.

Questo primo evento parte dal mio blog ma se volete potete lanciarne altri anche dai vostri blog, non mancate di darne notizia di modo perche sarò felice di essere lì con voi.

Oggi invito 10 blogger, a loro ed a tutti voi che passate chiedo in dono – se lo desiderate – di potete condividere questo evento sulla vostra pagina e invitare tanti vs amici per far sapere dell’evento ed essere tantissimi.

Perché una preghiera?
L’idea è nata ieri. Ho avuto un malessere esistenziale, un indigestione da brutte notizie dal mondo e rispetto alle quali mi sono sentito “impotente”.
Mi ha alleggerito l’animo un sussurro di preghiera, ho visualizzato di far arrivare una parte della mia energia di amore al nucleo di amore del mondo intero ed ho visualizzato che da questo nucleo potesse poi ripartire per arrivare a tutte le persone che ne avessero bisogno per uscire dai momenti di dolore e per riattivare in tutti loro la capacità di scegliere per l’amore e non per l’odio. Ho pensato di donare energia all’energia d’amore del mondo, quella migliore che in questo momento so donare.

Uso il termine preghiera per significare un momento di grande presenza e partecipazione con tutto noi stessi, ognuno interviene nelle forme che preferisce che siano pensieri laici, che siano pensieri religiosi di ogni fede, che siano pensieri di qualsiasi genere, che siano invocazioni, che sia un altra parola invece che “preghiera” anche va bene ( scegliete quella che più vi piace). Va bene qualsiasi tipo di ispirazione. L’unica cosa che vi chiedo è quello di essere donativi, essere presenti nell’evento sintonizzandoci sulla forza di amore che c’è in ognuno di noi, essere disponibili a donare una parte della nostra energia ad un nucleo energetico globale e visualizzarlo mentre cresce e pulsa arrivando in ogni angolo del mondo…essere grati a noi stessi ed alla vita per quanto abbiamo scelto di fare e sereni nella consapevolezza che più diamo amore e più ne riceviamo.

Siate con me, creiamo energia d’amore insieme, vi voglio bene.
Invito:

https://nonsolocampagna.wordpress.com/

https://lucythewombat.com/

https://lilasmile.wordpress.com/

https://silviacavalieri.com/

https://attieffimeri.wordpress.com/

https://fighterspirit.wordpress.com/

https://vincenza63.wordpress.com/

https://annaecamilla.blog/

https://giulianacampisi.wordpress.com/

https://giusymar.wordpress.com/

Buona condivisione a tutti e ci avvierò la preghiera corale domenica mattina.

Scrivete se avete cose da chiedermi che possono essere utili a voi ed a me per entrare ed esplorare questo progetto che sono sicuro ha grandi potenzialità di cose buone.

A presto

Leonardo

The Butler- Un maggiordomo alla casa bianca

Frequentemente dopo aver visto un bel film sento il bisogno di spegnere la tv o il pc o lo smartphone che sia e…uscire in strada a camminare. Ho appena finito di vedere The Butler, esco a fare due passi come si fa quando si allunga la strada per stare ancora un po’ in compagnia con un caro amico e raccontarsi ancora.

Buona serata a tutti e ci vediamo domani

Creare benefici

Da ogni nostra decisione costruttiva deriva a noi un beneficio.

Ciao Natale…e grazie Vita

Dura Elliot vero? Eh caro mio, il Natale è tosto. Oggi approfittiamo per togliere l’albero che nell’ultimo mese hai assalito a più riprese godendo come un riccio a giocare con le palle quando noi eravamo fuori casa😣😣 e tante ne hai rotte…😂😂😂tante proprio.
Primo natale di Elliot con noi, e nostro con lui. Come lui anch’io sono un po’ affaticato ed è stato un periodo molto intenso di emozioni. Oggi voglio fare una sintesi e voglio dire e dirmi che ho fatto del mio meglio per star bene ed essere felice per me e per la mia famiglia…ho faticato perché per essere felici ci vuole tanto lavoro di spirito, di amore continuo, di decisione e di libertà da conquistare ogni giornone consolidare con nuove decisioni e ancora tanto amore e poi ancora…ancora…e ancora. Sono soddisfatto di come è andata, mi perdono per gli errori che ho fatto. Quest’anno più di altri ho sentito il movimento intestinale dei sensi di colpa. Chi ha i parenti e la famiglia di origine lontana sa quanto ci si sente un pochino dilaniati. Che fare? Stare a casa? Andare? Faccio bene? Faccio male? Eccccheeeepppalllleeee!!!! Insomma con questi elementi un giro mi riconosco di aver fatto un buon lavoro insieme alla mia compagna e Emma. Noi continuiamo nel solco di una tradizione nostra che si nutre ogni anno di amore e conferme progettuali…e combattiamo i sensi di colpa. Quindi caro mio Elliot anche tu hai fatto tanto, buon riposo.

Mio Sole Mio SE’

Con il sole testimone affermo e rinnovo la volontà e la decisione di crescere e creare sempre più bellezza nella mia vita accudendo e alimentando progetti centrati sull’amore

Breve Ode al Sole

Il cielo è sempre blu sopra le nuvole ed il sole è sempre presente, costantemente protettivo e luminoso, guida saggia…Padre. Io ti vedo, ti riconosco e ti sono grato.

Allerta Meteo a Roma. Frasi dette e sentite.

…alcuni hanno lamentato l’eccesso di premura nella chiusura delle scuole;

…alcuni hanno apprezzato e tra loro anche molti genitori;

…alcuni hanno lamentato pur avendo nonni e suoceri che hanno badato ai figli;

…alcuni si sarebbero lamentati “a prescindere”;

…alcuni hanno ricevuto un dono da un amica che ha tenuto loro figlia, e sono grati per questo;

…alcuni hanno passato del tempo con i figli, visto un film insieme e fatto un piccolo seminario di Cinematerapia in ambito familiare per dialogare e approfondire ambiti dell’animo dove risiedono le emozioni;

…alcuni hanno provato piacere e sollievo per non doversi muovere in moto;

…alcuni hanno letto che il maltempo sarebbe arrivato “dopo”;

…alcuni hanno finalmente concordato che “il clima é cambiato” ;

…alcuni hanno detto che il clima così è sempre stato e non è cambiato proprio niente;

…alcuni hanno avuto paura;

…alcuni hanno anticipato l’uscita da lavoro;

…alcuni hanno pensato al tempo minaccioso fuori come metafora del clima sociale e politico;

…alcuni sono stati chiamati per sapere se erano arrivati a casa o al lavoro sani e salvi;

…alcuni hanno visto alberi venir giù;

…alcuni hanno visto oggetti volare, una credenza ad esempio;

…alcuni hanno provato soddisfazione per l’acquisto delle gomme nuove e nel constatare che tengono bene sul bagnato;

…alcuni hanno provato angosce profonde;

…alcuni non hanno voluto vedere cosa succedeva fuori;

…alcuni sono andati avanti come se non ci fosse niente da vedere e da dire;

…alcuni, ed io tra tutti loro, abbiamo sentito che il maltempo era un immagine simbolica che bene esprime anche le fasi di malessere che proviamo a volte ed abbiamo pensato metaforicamente alla nostra tempesta interiore;

…alcuni hanno pensato all’odio che come questo vento a raffiche irregolari ed imprevedibili scompiglia tutto;

…alcuni hanno pensato che ancora una volta quel maltempo dentro e fuori aveva nel perdono e nella riparazione la soluzione;

…alcuni si sono rivolti pensieri di amore e di perdono ed io sono tra loro anche ora;

…alcuni hanno pensato al mito di Ulisse ed alla sua difficoltà ad approdare sull’isola dei Feaci;

…alcuni pensando ad Ulisse alla fine poi hanno pregato, io tra loro;

…alcuni hanno pensato ad Antonio Mercurio e alle sue parole: ” Quando siete nella tempesta è quello il momento di decidere di darsi un cuore che ama invece di un cuore che odia rifiuta e distrugge, io tra loro;

…tanti abbiamo pensato e tanti hanno detto cose, aspettando che arrivi o che finisca la tempesta.

Allerta Meteo Roma: Attesa che tutto passi

screenshot_20181028-224120223554675.pngStasera in giro per le strade del quartiere si respira un aria d’attesa. Forse il cambio di orari o forse l’allerta meteo che a tanti ha suscitato un pensiero del tipo: ” Ma che davvero?”, beh si almeno io l’ho pensato! Recentemente mi sono trovato nel bel mezzo di una tempesta e non è stato per niente bello. Il clima è in cambiamento e gli eventi naturali a volte si presentano con intensità che, a detta degli osservatori, sono delle novità. Così per domani a Roma scuole chiuse e in molti stasera hanno dovuto trovare la soluzione a dove poter far stare i figli dato che il poco preavviso ha trovato molti disorganizzati e senza un piano B.  Domani spero non accada nulla, e prometto che non me la prenderò con chi ha deciso lo stop e chi ha diramato l’allerta meteo perché hanno fatto quello che era meglio fare e anche per chi deve decidere non è sempre facile farlo perché il meteo è giovane e forte in questa fase della vita sulla terra, a volte è irruento e arriva di gran carriera.

 

Nessuna colpa, sono cose della vita.

Quando accade qualcosa di brutto e ci assale l’angoscia e l’impotenza ci parte la ricerca del colpevole “fuori”. Perché una persona muore all’improvviso? Perché il tuo amico a 4 zampe rischia di morire? Di chi è la colpa. Tendiamo a cercare una soluzione ed una giustificazione “comunque” per non contattare il dolore freddo dell’impotenza. E se un colpevole fuori non lo troviamo allora forse i colpevoli siamo noi, perche non siamo stati attenti ecc! Lo pensano i bambini, lo abbiamo pensato noi da bambini, lo penseranno i bambini che verranno. Che fare allora? Dobbiamo imparare a “starci” ed a accettare che certe cose succedono e fanno male come se ci schiacciamo le dita ad una porta…fa un dolore bestiale. Accettiamo che non siamo perfetti ed onnipotenti e se vi accettiamo a fondo seminiamo terreno fertile per il perdono e ulteriore amore da far crescere in noi, da usare e da mostrare per insegnare ad altri ed ai bambini che accadono incidenti nella vita e che si chiamano incidenti proprio perche non è colpa di nessuno…ma non per questo quando accade fa meno male.

White Flag For Life

Alle ragioni dell’odio non c’è vittoria alcuna da frapporre. La strategia spada in pugno non garantisce soluzione alcuna conto il dittatore odiocentrico.  

Non c’è vittoria alcuna …e il mio sentire, che le spade nulla possono garantire; e sento in fondo in fondo che nemmeno l’amore come solo intendimento possa superare lo sbarramento di fuoco; la resa incondizionata è la strada per la salvezza; la resa… perché certi nemici dentro e fuori sono forti e vanno riconosciuti; bandiera bianca sventola sul dorso che vale la pena passare oltre …dignitosamente ora …dignitosamente cadere e poi…a domani.

daZeroaInfinito.com…White flag. 

…a ben sperare.

Corpo sano e Mente sana.
Che ci sono alimenti che ci gonfiano,
…come palloni fino a scoppiare
…ci fanno stare male e si ripropongono in strane ore
…ci sono alimenti che ognuno conosce bene
…che un tempo ancora ancora ci potevano anche stare
…ma che ora sono STOP, prendere o lasciare
…star bene o stare male.
Che ci sono alimenti per la nostra mente
…che roteano e crescono come valanghe
…sono pensieri e connessioni
…ci sono pensieri che conosciamo bene
…sappiamo che non sono reali
…che un tempo ci hanno fatto compagnia
…che che ora sono STOP, prendere o lasciare
…stare bene o stare male.
Che ogni decisione porta con se un dolore
…che con uno si nasce
…che con uno si muore
Che ci sono appetiti mentali e di pancia
…che conosciamo sia nel bene che nel male
Stare fermi,
pensare e osservare
e pregare
per trovare la forza
di non aprire bocca,
di non dire e di non fare
che tutto a volte è una mera riproduzione
di cose non vere e reali
se si esclude la follia
di profonde e passionali
momenti di big bang iniziali
che avevano in se tutto
tutto il bene e tutto il male
tutta la gioia ed io dolore
come ora come oggi
ne più ne meno
…scegliere ancora
…con un mal di pancia nuovo
…a ben sperare