Nessuna colpa, sono cose della vita.

Quando accade qualcosa di brutto e ci assale l’angoscia e l’impotenza ci parte la ricerca del colpevole “fuori”. Perché una persona muore all’improvviso? Perché il tuo amico a 4 zampe rischia di morire? Di chi è la colpa. Tendiamo a cercare una soluzione ed una giustificazione “comunque” per non contattare il dolore freddo dell’impotenza. E se un colpevole fuori non lo troviamo allora forse i colpevoli siamo noi, perche non siamo stati attenti ecc! Lo pensano i bambini, lo abbiamo pensato noi da bambini, lo penseranno i bambini che verranno. Che fare allora? Dobbiamo imparare a “starci” ed a accettare che certe cose succedono e fanno male come se ci schiacciamo le dita ad una porta…fa un dolore bestiale. Accettiamo che non siamo perfetti ed onnipotenti e se vi accettiamo a fondo seminiamo terreno fertile per il perdono e ulteriore amore da far crescere in noi, da usare e da mostrare per insegnare ad altri ed ai bambini che accadono incidenti nella vita e che si chiamano incidenti proprio perche non è colpa di nessuno…ma non per questo quando accade fa meno male.

La CucinArte_ Primi Piatti For Dummies :-)

Sono passati un po’ di anni dal mio battesimo in cucina e dopo aver rinforzato il mio orgoglio e dato una prospettiva di sopravvivenza al mio corpo grazie alle potenzialità e versatilità delle scatolette di tonno 🙂 … ogni tanto che mi cimento a fare cose nuove, quelle facili, e sotto l’attenta supervisione della mia compagna. Dopo di me in cucina sembra esplosa una bomba.
Mi piace cucinare, un pò meno lavare i piatti. Mi mette addosso un senso di pace e mi rilassa. Credo che la cucina sia un arte e come tutte le arti ha in se un grande potenziale “di Buono”, nel modo in cui cuciniamo esprimiamo il prenderci cura di noi, del nostro corpo e degli altri.

Oggi vi racconto di Pasta con asparagi, pancetta e panna x 3 persone, l’ho preparata domenica scorsa ed ha avuto un bel successo. In pigiama, con delle carte da leggere e con delle cose da scrivere ho creato sul banco cucina un mix di alimenti, carte e computer. Cosa hanno in comune? Mah, non saprei…di certo quella mattina mi è piaciuto farle tutte e tre insieme.
Vi racconto i preparativi della pasta.

wpid-img_ed66f9d0a9422711bc2f99f6d501b6d3.jpgPrendete un mazzo di asparagi, togliete il sotto duro. Pelateli della bucccia un pò più dura. Non fino alla testa, dicamo che al tatto vi accorgete dove è bene togliere e dove non serve.

 

wpid-img_4e33435914825632ec4959ac8473780d.jpgLessateli, non ci vuole molto tempo . wpid-img_d0b17a951961254dab57014251551c1b.jpgE questa è fatta.

 

wpid-img_11a2f5b417d8fc276e07b1ddaf520481.jpgIn  padella fate rosolare della cipolla. wpid-img_dbb25677705132914c8d4c54ef9c4175.jpg
E poi aggiungete la pancietta.

 

A questo punto potete già aver messo su la pentola dell’acqua. Io faccio la cottura nella stessa acqua in cui ho fatto lessare gli asparagi.

wpid-img_732748cc08b31099ed6c265f579ef3ca.jpgUna volta calata la pasta potete iniziar a preparare il finale dell’opera. Mischiate gli asparagi con la base di pancetta e cipolla.

Io le faccio saltare un pò insieme e poi metto la panna, riscaldo tutto insieme un attimino e poi facci riposare.

A cottura della pasta (noi stavolta abbiamo usato le fettuccine) mischaire tutto insieme nella padella et voilà. Siete pronti per mangiare 🙂 , se lo preferite potete condire con del pepe.

wpid-img_ef4ab8ee41dcbc0dc5ff52fa5c25031b.jpgBuon Appetito. daZeroaInfinito.com …in cucina.