Nessuna colpa, sono cose della vita.

Quando accade qualcosa di brutto e ci assale l’angoscia e l’impotenza ci parte la ricerca del colpevole “fuori”. Perché una persona muore all’improvviso? Perché il tuo amico a 4 zampe rischia di morire? Di chi è la colpa. Tendiamo a cercare una soluzione ed una giustificazione “comunque” per non contattare il dolore freddo dell’impotenza. E se un colpevole fuori non lo troviamo allora forse i colpevoli siamo noi, perche non siamo stati attenti ecc! Lo pensano i bambini, lo abbiamo pensato noi da bambini, lo penseranno i bambini che verranno. Che fare allora? Dobbiamo imparare a “starci” ed a accettare che certe cose succedono e fanno male come se ci schiacciamo le dita ad una porta…fa un dolore bestiale. Accettiamo che non siamo perfetti ed onnipotenti e se vi accettiamo a fondo seminiamo terreno fertile per il perdono e ulteriore amore da far crescere in noi, da usare e da mostrare per insegnare ad altri ed ai bambini che accadono incidenti nella vita e che si chiamano incidenti proprio perche non è colpa di nessuno…ma non per questo quando accade fa meno male.

9 risposte a "Nessuna colpa, sono cose della vita."

  1. ….. “Accettiamo che non siamo perfetti ed onnipotenti e se vi accettiamo a fondo seminiamo terreno fertile per il perdono…”
    Quelle tue parole mi hanno colpito. Proprio in questi giorni sto facendo un percorso in tal senso.. Accettarmi per perdonarmi.. E’ difficile, non è per niente facile.
    E’ una lotta di emozioni che saltellano, ti destabilizzano, perchè stai ribaltando quello che credevi e pensavi fosse giusto, le tue certezze..
    Un sorriso ciao Chiara 😊

    Mi piace

    1. Si cara é impegnativo, perché é la conquista della libertà che é impegnativa…o almeno per me lo è. Essere felici, stare bene e godere della gioia sono cose che in qualche modo ci sembrano “dovute” e siccome sono un diritto ecco che ci facciamo lo sgambetto e pensiamo che sono cose naturali, come respirare ad esempio. Ma la storia umana si muove in ognuno di noi e ci sono forze che si contendono e confrontano, amore e odio come capofila ma tanti ancora sono gli opposti in noi. Io ti faccio i complementi per il lavoro che stai portando avanti perché con impegno ti fai dono della speranza e della libertà contro quelli che il guerriero della luce ( Cit di Coelho) chiama i nemici invisibili. Un salutone 🤗🤗

      Mi piace

        1. Sono io che ti ringrazio. Ho sentito la tua vicinanza in questo periodo, Pur non conoscendoci e ti sono grato. Per domani ho messo in programma un post sulla gratitudine. Nasce da questo periodo ed è nato anche dalla condivisione oggi con te su questo tema “impegnativo”…ma noi siamo forti “Fighter spirit”.

          Mi piace

          1. Lo leggerò ben volentieri 😊..
            Si… siamo degli Spiriti Combattenti 😉
            Ho scelto quel titolo al mio blog perchè tutto sommato sento di combattare quando ci son difficoltà anche se alle volte perdo..
            Ps. Non ho letto il libro di Coelho “il guerriero della luce”..Tu hai letto? Me lo consiglieresti?

            Piace a 1 persona

            1. Me lo consigliò anni fa una bella persona. Da allora è sempre nel mio zaino. A me piace e spesso vi trovo spunti di utilità. Sfoglialo, magari ti piace. Anche a me la parola combattente ha sempre ispitato ma ci devo andare cauto e devo stare attento perché spesso quando mi sento combattente poi mi frega la rabbia. “Artista della vita” uso a volte ma…ho tanto ancora da imparare sia nel buon combattumento che come artista. Vabbè😋😋😋 ma non sono solo in questo bel viaggio di crescita.

              Mi piace

  2. Per quanto mi riguarda, sono stata educata a sentirmi in colpa, era colpa mia anche se mi sentivo male e davo di stomaco (avevo mangiato troppo. Ho faticato molto per liberarmi almeno in parte da questo fardello, a perdonarmi quando sbagliavo, ad accettarmi come essere imperfetto, a dirmi, quando i miei risultati non erano state eccezionali, ma appena accettabili “brava, ce l’hai fatta!”.
    Ora me la cavo abbastanza bene e cerco di spargere in giro il buon seme della misericordia verso se stessi (oltre che verso gli altri) e ad accettare la vita con la sua dose di “ineluttabilità”.

    Piace a 1 persona

    1. siamo come alberi buoni e produciamo ottimi e nutrienti frutti per noi e per le persone che incontriamo nel cammino. Come l’albero sintetizza aria terra e acqua così noi trasformiamo tutte le forze con cui interagiamo, le sintetizziamo e ne facciamo ( sempre se vogliamo) opportunità per noi per crescere. Tu sei stata e sei bravissima. complimenti per i tuoi passaggi e per quanto di buono semini. In caro saluto 🤗

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...