Andiamo avanti, oltre la svalutazione

Metti che ci troviamo in una situazione della vita, a lavoro ad esempio, e facciamo fatica a concepire di poter “cambiare”. Che fare? i dico che intanto è bene ascoltarsi profondamente e con coraggio. Poi se l’ascolto è stato fatto bene ci può stare che magari sentiamo che dentro nel profondo di noi oltre agli immancabili ( per fortuna 😥) aspetti pratici,  che rendono difficile il “purtroppo sempre difficile cambiamento” , c’è anche un rumore di fondo a cui diamo il nome di “svalutazione” e che ad ascoltare bene dice – seppur in forme strane e non chiare tanto che è più facile decifrarlo partendo dalle esperienze – che più o meno “non valiamo” e che quindi non meritiamo nessuna posizione migliore perché tanto “questo siamo”!

Beh se dovesse capitare … che fare?  Io dico che per primo è bene imparare ad ascoltarsi e conoscere le proprie emozioni e farle emergere sempre più, renderle dignitose, libere e decolpevolizzarci. Sono cose umane, a ciascuno la sua area di svalutazione!

A più ampio raggio, poi, possiamo  vedere se questo mood lo ritroviamo anche in alte situazioni e stanarle. Una volta fatto questo lavoro prendiamo consapevolezza di un fatto, e cioè che queste sono “menzogna esistenziale” che ci raccontiamo.

Si tratta menzogne, perché se anche è vero che abbiamo delle fragilità e ci fa fatica riconoscercele ed accoglierle è vero anche che ovunque volgiamo lo sguardo possiamo vedere che di fatti in tutto quello che stiamo facendo “qui e ora” la verità è che  “noi valiamo eccome! “.

Il nostro valore reale ha nelle pretese uno dei suoi principali aggressori. Le pretese spesso si annidano nelle aspettative negative, vale a dire in tutte quelle cose che pensiamo di “dover fare” ed in tutti quei traguardi che “dobbiamo per forza raggiungere” per poterci minimamente sentire soddisfatti. Miraggio…lo sappiamo bene. Perché la meta della soddisfazione quando è drogata dalle pretese e dalle aspettative che non si fondano sull’amore per noi e la libertà  diviene una meta che non si raggiunge mai e che ci scappa di continuo alimentando rabbia e odio verso noi stessi, e svalutazione.

Il nostro valore si alimenta di accettazione pura e semplice delle persone che siamo, perché andiamo bene così come siamo, con i nostri talenti e con le cose che dobbiamo migliorare.

Passo dopo passo togliamo alimento al mood negativo e alimentiamo la consapevolezza su ciò che è buono per noi.

Affermo che possiamo scrivere una storia diversa di noi. Il nostro valore crea la vita che vogliamo e la nostra saggezza interiore è la nostra miglior guida, seguiamola.

Rompiamo le catene…e questo mi ha fatto ricordare un passaggio del film “Ricomincio da tre con Massimo Troisi. Il protagonista ci fa vedere bene quello che succede dentro quando non ci diamo un valore, ecco ora che lo sappiamo vogliamoci un sacco di bene, accettiamo le ns fragilità e riconosciamo i nostri meriti che sono tanti e… andiamo avanti.

Il titolo della Clip su you tube è “la gelosia” ma io ci vedo tanto altro.

Buona serata amici

Giudice interiore…ma che rompi che sei però eh!!!

Vi capita che quando dovete fare qualcosa frettolosi e fastidiosi arrivano pensieri svalutanti e l’onnipresente rompipalle del giudice interiore che pressappoco emana sempre la stessa inappellabile sentenza tale per cui: “in nome di questo e di

blur close up focus gavel
Photo by Pixabay on Pexels.com

quello…considerato che tu non sei tizi o caio…e che non hai agito in questo modo e in quell’altro io ti dichiaro colpevole di incapacità e di totale inadeguatezza anche solo a pensare di fare quello che stai provando a fare, pertanto fermati che è meglio perché altrimenti oltre alla sentenza da scontare arai anche una brutta figura ed una sicura delusione da smaltire?!”.

Ecco, vi capita?

Si tratta, a ben intuire, di una particolare tipologia di sabotatore interiore che opera in maniera trasversale nell’animo umano delle persone di ogni latitudine, esperienza o astrazione sociale o ogni altra qualsivoglia distinzione si voglia infilare ma che pressappoco si può tradurre con un semplice “capita a tutti”.

Sto lavorando ad un progetto e non ci crederete…non riesco a scrivere nulla, ho come una specie di blocco creativo e la cosa mi è davvero nuova essendo che proprio nello scrivere ho sempre pensato che non avrei mai avuto problemi essendo io un abbondante chiacchierone.

Ma non mi sono mica arreso eh…nooo. Scrivo bozze e poi non mi piacciono e poi ne scrivo altre e poi altre ancora. Sto scavando il mio buco per evadere da questo rompi di giudice…che poi sono io con me stesso.

Che fare quindi?

Opzione 1: Basta rinuncio, mi lamento, mi arrabbio con il giudice interiore e con me stesso;

Opzione 2: Come posso trasforamare questa situazione, quale cambiamento devo attuare dentro e fuori di me?

Scelgola n 2. Virata verso la libertà. Forse il mio giudice mi rimanda solo che ho paura di sbagliare e ci sta, sono umano. Scelgo di fare l’artista, e mi allineo con il sentimento dell’umiltà, l’impegno, la fiducia e l’biettivo che è sempre quello di crescere e anche in questo progetto dalla vita mi arriva una preziosa opportunità. Mi ispira

Odissea_Ulisse_mendicante.pngAh…oltre alla paura che è un sentimento umano di cui non dobbiamo mai vergognarci c’è anche la pretesa … e questa è un ostacolo a ogn forma di creatività sana e duratura. Mi ispiro al mito di Ulisse ed alla saggezza che contiene. Come Ulisse mendicante in casa propria anche io mi rendo umile sul mio terreno preferito per non essere divorato dalle pretese e dal giudizio.