# Olibriadi a sorpresa!

Ben mi ha proposto in questa #Olibriadi e lo ringrazio. Quindi eccomi a donare il mio contributo nel raccontarvi in breve di alcuni libri che mi hanno fatto più compagnia durante il 2017, difficile scegliere i preferiti ma sono soddisfatto della scelta ! Grazie ancora Ben e OK si parte

untitled

Queste sono le regole:
•Inserire i creatori del tag: Il Salotto Irriverente e D.A.vide Digital Art
•Ringraziare il blog che ti ha taggato
•Inserire il banner del tag (solo se pubblicate un post sul blog)
•Fotografare i tre libri che più vi sono piaciuti e che avete letto nel 2017, e fate la vostra classifica!
•Condividete la foto su Facebook, Instragram o sul vostro blog con l’hashtag #Olibriadi
•Taggate tre persone o tre blog

Ecco i miei tre libri, la numerazione ha solo finalità organizzativa e non esprime uan mia scala di preferenza, ciascun libro mi ha donato preziosità, per me sono tutti primi in classifica:

20180124_0827422012646112.jpg

  1. L’inverno del Mondo – Ken Follett –. Ho già trattato della lettura nel mio post qui sul blog. Allora dicevo e lo confermo ora che “Leggendo questo libro di nuovo a bussarmi in testa una parola “dignità”. La dignità delle multiforme direzioni che può prendere l’umano. L’umano che si appassiona a ideologie di un male sordo, disumano e spietato e la forza di chi lotta e non si arrende”

20180124_0827541999464757.jpg

2. La mia vita per la Libertà- Ghandi .
Libro suggeritomi dal dr. Ciappina, direttore dell’Istituto Solaris, e che ancora ringrazio. Ne ho parlato in due post qui e qua :-). In ogni parte del racconto mi sono sentito come di fronte a una scoperta. Un uomo che credevo fosse un supereroe ha fatto cose grandi ma non aveva superpoteri anzi aveva anche un sacco di problemi e di debolezze. Aveva un grande amore ed una grande decisione. Di fronte a tanta forza mi sono chinato ed ho letto umilmente fino alla fine e con dentro l’emozione della gratitudine.

20180124_082807593360135.jpg

3. La Scoperta dell’Inconscio – Storia della psichiatria dinamica- Henri F. Ellenberger. A vederlo così può sembrare un testo per “addetti ai lavori” MA NON E’ COSI’! Tanti anni fa l’ho studiato da allievo e quest’anno per la seconda volta l’ho proposto agli allievi della scuola come docente. Un libro di storia, scritto benissimo e molto ricco di racconti. Un viaggio dai tempi delle prime guarigioni primitive a tutto quello che è stato l’evoluzione di pensiero e le conferme di ricerca nei secoli successivi. Dai guaritori primitivi ai moderni indagatori della psiche umana passando tra lastoria, i fatti e glie eventi sociali, culturali, economici. Perchè siamo un perpetuo divenire di persone e di volontà di crescere e trovare soluzioni per risolvere e trasformare i problemi per essere il più felici possibile e lavorando per realizzarla, chiaramente.

20180124_082801279073251.jpg

Sperando di far cosa gradita, nomino per le prossime Olibriadi:

Benedetta

Lila

Mr. Loto

Buone #Olibriadi e buona giornata

Lo ammetto…Non ho resistito

daZeroaInfinito.com …iniziare o non iniziare questo è il dilemma, che il desiderio è forte ed il tempo delle vacanze è da poco finito, che devo usare al meglio il tempo a mia disposizione, che in questa fase il mio impegno è richiesto al lavoro ed alla formazione … che anche per questo bellissimo mattone devo trovare tempo ed energie…ho fiducia è passione…che per iniziare non è male!

Libri #8_1984_ di George Orwell

wp-1450117688367.jpegCosa posso dire di questo libro che altri non hanno gia detto, e meglio?
Comprato anni fa e tenuto per tanto, troppo tempo in libreria a prendere polvere.
Dopo la fattoria degli animali, letto ormai quasi 15 anni fa, approdo a 1984.
Ci sono autori che si leggono bene perché sanno usare parole semplici e che “dicono” senza saccenza e ricerca del pensiero complesso, Orwell è uno di questi e rendo lode a lui ed anche al traduttore italiano.
Io non so perché uno dovrebbe leggerlo come non mi spiego il perché c’è gente che legge, gente che non lo fa e gente che i libri li regala.
Io sono di quelli che con il desiderio di leggere un bel libro ci va in giro, e che prima o poi riesce a trovare il tempo e la giusta forza per mettere in pausa il mondo intero perché ” sto leggendo”.
Questo libro l’ho letto in bagno per il 70% del tempo ( la mia casetta è piccola così questo luogo si presta “anche” per leggere), il restante 25% attaccato al termosifone in cucina ed il restante 5% in altri luoghi incluso l’ufficio un giorno di black out e di blocco operativo.

In 10 punti.

1-Winston mi è stato simpatico sin da subito, dal nome che mi ricorda le sigarette che fumavo anni fa.
2 – Ho assunto i panni del protagonista. Ho guardato il mondo con lui e non piaceva neanche a me. Freddo, grigio, gelito, stitico, triste, controllato, manipolato, terrorizzato.
3- Oh cazzo si, scrivere un diario è pericoloso. Finisse il mondo qualcuno prima o poi lo leggerà ma cazzo che libertà una penna e che ritmo raggiunge il cuore quando racconti un sentire intimo ed il pensiero che vita.
4- Julia? Certo alzi la mano chi non ha mai sognato una situazione come quella tra di loro, una ragazza che sa cosa vuole … ma che tante altre cose non sa.
5- Le persone sono solo biologicamente uguali, esistenzialmente sono diverse.
6 – Si concordo con Winston, la signora e “la sua immagine di fertilità è bella” anche se trasuda e i suoi fianchi sono larghi.
7- Il potere…ah sublime verità.
8 -Ognuno ha qualcosa che lo frega.
9 – Julia io non l’ho mai creduta sincera, e mi sono sbagliato.
10- il grande fratello è ovunque … va a finire che lo ami.

daZeroaInfinito.com … In the house.