0. Attacchi di Panico: ” Ci sono Soluzioni”

Questo articolo è il punto 0 “zero”, lo start. Sperimentare gli ADP è disarmante, arrivano con violenza e alimentano grandi paure ed crescenti strategie di evitamento.  Il punto “zero” è il momento in cui va fermato il disagio e basta, fase fondamentale insieme al lavoro di accrescimento della consapevolezza e delle cause. Ci sono farmaci che funzionano, se servono usateli e basta. Ci sono percorsi di psicoterapia che aiutano, quindi non siate pirla e non fatevi fregare dall’orgoglio o dalla paura verso questi termini… chiedete aiuto che solo i coraggiosi lo sanno fare come si deve, e voi siete coraggiosi.

I farmaci: Puo’ capitare che vi possano essere utili anche dei farmaci, nel caso rivolgetevi ad uno specialista e trovate ciò che va bene per voi. Informatevi, provateli e vedete come funzionano. Mettetevi in tasca il vostro paracadute, un aiuto nel momento del bisogno. Non mettetevi nell’ottica di vivere “con” il farmaco, non accadrà e se lo pensate è solo una “sega mentale”.

images Siate folli, umili, elastici, donatevi il meglio.

Proposta di lettura: Alcatraz “di Diego Cugia” pagina 168 (credo 🙂 ) “48 giorni all’esecuzione”.

daZeroaInfinito.com … il punto di inizio… una sera di tanti anni fa.

 

11 risposte a "0. Attacchi di Panico: ” Ci sono Soluzioni”"

  1. Secondo me esistono varie linee raggruppabili tutto sommato in tre tipi.
    Se si va oltre la normalità e la pacatezza di affrontare la vita e situazioni più o meno stressanti, sentendosi in un baratro lo si deve a tre fattori scatenati talvolta sono chimici, e intendo sostanze prese consapevolmente o somministrate da qualcun altro, e questo dovrebbe essere il primo fattore sbarellante.
    Poi esiste la sensibilità personale e una sorta di cumulo di emozioni che sfocia in un patatrak emotivo, equesto è a mio avviso il vero attacco naturale.
    Poi esiste quello che chiamo open mind con o senza sostanze, una sorta di veggenza, una apertura della mente che può avvenire anche facendo bene yoga o meditazione, magari non si sa gestire la situazione ma nei pronto soccorso hanno una piacevole sacca gialla e con due gocce si chiudono tutt le porte della percezione lasciate incautamente aperte.
    Mia zia per evitare qualsiasi dubbio non accettava mai acqua e cibo credo abbia mangiato al ristorante solo quando si è sposato il figlio.
    Mi spiace molto se ti sono capitati attacchi di panico, uno solo può uccidere, figuriamoci più d uno. Passa una buona serata tranquilla.
    Sono Elena se mi vuoi ci sono.

    Mi piace

    1. Ciao Elena e grazie per il passaggio ed il commento articolato che arricchisce indubbiamente questo spazio tematico.
      Conosco il tema e come ho scritto io ci vedo in questi “disagi” dei messaggi appunto attraverso il quale il nostro corpo ci dice che non siamo in armonia con la nostra essenza e identità più autentica, o magari ci approcciamo ad una situazione in modo disarmonico. In questo senso tali disagi sono opportunità per approdare a nuove consapevolezze di noi ed a un più consolidato rapporto d’amore con noi stessi e con la vita. C’è da lavorare, tuttavia, ma il messaggio che io voglio rinnovare anche grazie al tuo commento è che dagli attacchi di panico si guarisce e partendo da essi si fanno balzi di crescita davvero speciali. ti auguro una luminosa giornata😊

      Mi piace

      1. Scusa la mia incursione a volte mi faccio prendere la mano e scivo scrivo seguendo una mia opinione, di sicuro è un argomento delicato, vivo in un paese dove spesso i giovani si fanno prendere dal panico, dalla paura del domani e si buttano dal balcone. E tutti a dire ma perché non si è fatto aiutare, perché non ne ha parlato. Ho una casa molto carina e larga per me, desidero utilizzare alcuni degli spazi per pubblica utilità, in America ci pensano tanti, se un giorno fonderò qualcosa spero che sia di aiuto, a chi delle teorie e ipotesi non se ne fa molto. Un solo piccolo consiglio, tieniti lontano dai farmaci e se già li usi riducili al minimo, un abbraccio.

        Mi piace

        1. Elena tranquilla, puoi esprimere liberamente la tua opinione nel mio blog. Sui farmaci non do indicazioni, come ho scritto, ci sono e possono essere di aiuto a chi si trova in difficoltà ma il lavoro che sento prezioso, ripeto, è quello da fare per crescere a partite dalla consapevolezza che in questo tipo di disagio c’è un messaggio del nostro Sè al cambiamento per essere sempre più capaci di amarci e sviluppare i nostri tanti talenti. Non ho inteso laDi che si tratta. storia della casa?🤔 Di che si tratta.

          Mi piace

          1. La casa è il luogo dove devo far sorgere un attività, ma essendo stata per un lungo periodo in America dove si crea con una facilità assoluta, ho da sempre l idea di star bene dove mi trovo bene. Per cui se riuscissi a unire una sorta di sala da tè, con la ricerca interiore, un teatrino di corte dov’è le persone possano sentirsi accolte presentare i loro libri, la loro musica i loro quadri, mettere in scena a uno spettacolo.
            E poi attivare un gruppo che crea un sodalizio, un po come gli alcolisti anonimi, sto seguendo in questo periodo una sit com che si chiama Mom alle 16 su Italia 1 ovviamente te la cito solo per farti capire il messaggio che passa.
            Se ci si sente soli lo si è davvero, in gruppo invece le cose si possono affrontare diversamente.
            Ovviamente mi risponderai ma sarebbe bello, solo che viviamo distanti, credo anche tanto nel web e nella possibilità di comunicazione che crea, tira fuori idee mettile in ballo e balleranno.
            Che dici ?

            Mi piace

                1. Certo. Ma come hai letto questo spazio nel mio blog é di condivisione esperenziale per cui anche a te faccio l’invito – se lo desideri – di raccontare una tua esperienza sul tema. Intanto buona luminosa giornata😀

                  Mi piace

                  1. Sto per mettere in pubblicazione un libro che ho curato, dopo l uscita ne parlerò approfonditamente e scriverò sunti dei capitoli, sull’argomento panico c’è molto, nel capitolo finale, ma è più una percezione open mind diciamo che tutti dovrebbero avere in casa un kit primo soccorso, la cosa più strabiliante è che i soccorritori non sanno cosa fare in loco. Tu potresti dirmi il contrario, ma diciamo che rendere noti i farmaci di primo soccorso, ed evitare di trasportare la persona fino al primo pronto soccorso quindi spegnere i sintomi in loco sarebbe molto meglio. Se l attacco di panico prende una persona già debilitata credo possa essere mortale. Sono troppo catastrofica ? Scusami se te lo chiedo ma hai avuto un incidente in cui hai perso molto sangue ?

                    Mi piace

Rispondi a da Zero a Infinito Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...