Roma h 19:59…tempo di una riflessione veloce…di libri…di tempo…e di armonia

Ciao a tutti,
Oggi giro in libreria. Di libri da leggere ne desidero tanti. Ho finito “L’inverno del mondo” di Ken Follet qualche giorno fa e stavo cercando un nuovo libro. Per un attimo mi sono ritrovato faccia a faccia con Ghoete, “i dolori del giovane Werther”, prima o poi faremo un giro insieme lo sento. Ma oggi no! Oggi mi ritrovo di nuovo a camminare tra gli scaffali e ritrovo i titoli che ho letto, quelli che ho amato e quelli che ho odiato…e quelli che sono in pausa come”  l’Ulisse ” di Joyce. Oggi però più forte del desiderio di leggere un nuovo libro ho sentito di nuovo la voglia di rileggere i titoli che mi hanno accompagnato negli anni. Si ho desiderio di rileggere alcuni libri che ho amato in modo particolare, rispolverarli, lasciarli raccontare ancora ed io stesso raccontarmi e ritrovarmi insieme a loro nel tempo di ora. Ah a proposito, Ken Follet non l’ho finito, l’ho divorato. Amo i suoi libri ed a breve vi dirò di quest’ultimo in una mia personale recensione.
Mi ispiro e mi lascio guidare dalla parola “armonia” del tempo e delle storie, che ho storie nuove da esplorare ed alcune vecchie da rispolverare e sono certo che entrambe avranno qualcosa di nuovo da donare.
A voi capita?

daZeroaInfinito.com…che è un giorno caldo ed è da un po’ che non scrivo. Così mi fermo subito…metto in pausa i motivi del rientro ed anche le commissioni ancora da fare. Mi faccio il dono del tempoche ho desiderio di ritrovarmi narratore…me lo hanno suggerito prospettive di libri del mio passato e del mio presente…qui e ora. 

Avete letto “Ulisse” di Joyce?

Angolo dell’incontro.Joyce

Io ci sto provando e non nego che mi sta facendo un pò di fatica e difficoltà.
Eppure è da tanto, veramente da tanto che desidero leggere questo libro.
1° ostacolo…”ammazza…28 €, ma è troppo”
2° ostacolo…”ammazza che mattone”Vabbè…iniziamo intanto…in bocca al lupo a me.

Opto per edizione economica in e-book e iniziamo.
Voi lo avete letto?
Sono tentato – anche – di rinunciare e spesso mi viene dal cuore l’invito a non essere testardo.  Che una delle molteplici cose del bello del leggere è proprio nella libertà di scelta.

Eppure sento che non è il momento di gettare la spugna.
Consigli? Voi che esperienza avete con questo testo?

A volte penso che sono all’inizio di una nuova sezione per il mio blog, la sezione del “Poi ho smesso di leggerlo”.

daZeroaInfinito.com … spazio aperto nei commenti 🙂 …molto  graditi.