Io, mia madre Leonarda 😘 e un vaporizzatore.

I nostri genitori, i nostri genitori. Gioie e portatori di vita ma anche persone con i loro dolori e le loro paure. Oggi ho abbracciato mia madre dopo uno scambio di opinioni sull’utilizzo di un elettrodomestico🤔. Il tema su cui abbiamo lavorato insieme non era l’umidificatore ambientale e la sua utilità ma il tema “dell’accogliere” le occasioni e le proposte di amore per se. I genitori con gli anni tendono a diventare rigidi e conservatori, mia madre si chiama Leonarda ed ha 81 anni e tanta energia e tenacia. Io sento che loro hanno paura di perdere il controllo e di perdere la loro autonomia ed indipendenza e dicono frequentemente No; forse è per questo che diventano rigidi nell’accogliere consigli e mani tese. Loro lo fanno per difendersi, è un fatto umano quindi nessun giudizio…ognuno si difende ed ha diritto di farlo😎. Però pure io sono energico e tenace e anche i miei fratelli e non molliamo e assumiamo frequentemente i panni delle forze che invece spingono per continuare invece a crescere, che non si smette mai di imparare e di cambiare.

I genitori portano doni. Si perché i nostri genitori non propongono comportamenti tipici della loro età, sia ben chiaro non è un fatto anagrafico. Loro ci fanno il dono di permetterci di vedere “dei comportamenti umani” solo con più nitidezza e chiarezza sul messaggio emozionale sotto.

I genitori portano tante più cose buone di quanti, anche ci sono, errori possono aver commesso.

OK inizio “breve frase fatta” ma ci Sta!! E chi non ha mai fatto errori, e chi non è mai stato testardo, e chi non si è mai opposto ai consigli soprattutto quando erano validi e ci facevano vedere delle aree dove veramente avevamo fatto o detto una cavolata? STOP fine “frase fatta” che ci stava.

I genitori, dicevo, quindi ci fanno dei doni perché ci fanno vedere con chiarezza aspetti dell’animo umano che sono di tutti.

Oggi ci siamo abbracciati io e mia madre, ed abbiamo fatto insieme un lavoro spirituale che attraverso il dialogo e la condivisione di alcune informazioni hanno portato entrambi a decidere che su una decisione presa e su una cosa troppo frettolosamente giudicata negativamente ci si potesse invece ancora ritornare con spirito nuovo. Non abbiamo parlato del vaporizzatore per ambiente domestico, o meglio anche di questo, ma il punto di incontro del nostro dialogo è stato condividere le emozioni ed esplorare la rigidità, la paura ad affidarsi, l’ importanza di lasciarsi “anche” guidare e della condivisione e della coralità come opportunità. Lei, io e noi possiamo ogni giorno accrescere la consapevolezza attraverso il dialogo autentico con noi stessi e con gli altri. Non è vero he non abbiamo bisogno, tutti siamo bisognosi e tutti siamo in relazione con gli altri e con la vita e se ci opponiamo a questa relazione l’energia non circola e il nostro campo energetico vitale va in sofferenza e si producono solo esperienze negative.

Così oggi mia madre mi ha seguito e mi ha fatto il dono di affidarsi a me. Io le ho spiegato per benino come funzionava l’aggeggio elettronico rispondendo ai suoi dubbi e paure sul funzionamento del terribile ritrovato della tecnologia moderna. Insieme abbiamo conosciuto meglio questo mostro elettronico e insieme abbiamo esplorato le potenzialità per la sua funzione e soprattutto ci siamo fatti insieme dono di seminare uno spazio relazionale tra genitore e figlio centrato sul quanto è figo l’amore per noi stessi, di come ci fa stare bene e come abbiamo un grande potere e possiamo in ogni momento cambiare comportamento, cambiare idea anche attraverso il dire a qualcuno ” mi dispiace” ed aprire il nostro cuore alla grandezza della libertà che c’è in un messaggio di riparazione. Siamo stati bravi tutti e due e ci siamo abbracciati.

Grazie Mamma per avermi seguito, so che non ti è stato facile e questo rende ancor più grande il tuo merito ed il dono, dono di fiducia e riconoscimento in me.

PS: il terribile mostro tecnologico con luci ed aromi sarà un utile strumento nella sua casa, tutti hanno diritto ad una seconda possibilità…anche il vaporizzatore…ma soprattutto NOI.

14 risposte a "Io, mia madre Leonarda 😘 e un vaporizzatore."

    1. Crescere e stare bene ed essere felici é un grande lavoro per tutti. Ma noi abbiamo grandi potenzialità, facciamo gli artisti e poi godiamo della meraviglia che succede. Grazie del passaggio e se ti va mi puoi dire qlcosa in più su una tua esperienza ( solo se tu va nella più assoluta libertà).

      Piace a 1 persona

      1. Mentre parlavi della tua mamma, io pensavo alla mia.
        E’ vista ed in gamba ma 83 anni molto contraria a qualsiasi cambiamento, sapevamo che doveva accadere e siamo arrivati.
        Cerchiamo di farla partecipare al centro per anziani dove vanno le sue amiche e dove si gioca a carte e i scambiano due chiacchiere, ma non siamo mai riusciti a convincerla. Peggio dell’istigazione al demonio, secondo lei.
        E’ un vero peccato, perchè la solitudine è una brutta bestia e noi non sempre ci siamo.

        Piace a 1 persona

          1. Adora giocare a carte. Lo faceva sempre con il mio babbo e le manca tanto.
            Guarda, ci abbiamo provato tutti., persino mia figlia a cui di solito da sempre retta e quando ho bisogno di sostegno con la mia mamma lei mi da sempre una mano.
            Non riuscendo in tal senso mi sono data da fare ad ampliare il suo giro di amiche e faccio delle cosine per loro così da invogliarle ancora di più.
            Piccoli gesti che però capisco siano graditi.

            Piace a 1 persona

Rispondi a Sara Provasi Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...