Apocalipse Now

in diretta dal mondo dei sogni, un estratto di passioni intrauterine condite con estratti di paure e immagini televisive .

Io a quella riunione non sapevo perchè c’ero. Loro erano tutti delegati e rappresentanti di sindacati mentre io non avevo nessuna tessera.
I delegati sui loro fogli scrivono il mio nome , designano me come loro rappresentante.  provo colpa, imbarazzo ma anche gioia. A nulla vale la mia sottolineatura di non essere isccitto ad organizzazione alcuna.
Esco sul balcone che da sulla via prendo un pò d’aria quando all’improvviso una nuvola nera si alza all’orizzonte e nella nuvola mi meravigliano i colori saturi di vive esplosioni che squarciavano il nero. Tutto così spaventoso e tutto così piacevole. All’orizzonte a meno di un km da me lungo il profilo dei tetti vedo sciami di aerei arrivare in picchiata sul vaticano e sganciano bombe a gruppi di due o tre. D’improvviso un grande fragore e da dentro il vaticano vedo alzarsi lentamente verso il cielo un enorme missile con le fiancate marmoree che lentamente si scaglia sull’orizzonte e poi prende quota con la flemma di una mongolfiera. Resto a bocca aperta, è enorme ed è enormemente bello tutto quello che vedo. Un missile ed un astronave al tempo stesso con tante luci e dei motori enormi che la spingono verso l’alto.
 Dentro vi è il papa e quella era la strategia per salvarlo.
A casa di mia madre accendo subito la tv per sapere cosa si dice in ordine a quello cui io avevo appena assistito, cerco ansiosamente di far partire il televideo ma invano. Sono su Rai tre e lì è sempre un casino leggere qualche notizia. Poi cadono i collegamenti.
Mi sporgo dalla finestra ed il grande missile è ancora ben visibile mentre continua la salita verso il cielo.
Dentro il papa è seduto su una poltrona in una stanza laterale con grandi vetrate ed infissi in legno.
In tv ricostruiscono l’attacco e fanno vedere come tutti gli aerei erano attacati sul dorso di un enorme velivolo a forma di manta che è riuscito ad entrare sulla città sensa essere avvistato.

daZeroaInfinito.com …affascinato da quell’astronave che saliva lentamente su su fino alle stelle.

Informazioni su da Zero a Infinito

Amo scrivere di ciò che vedo e che sento e penso, non sono obiettivo e non narro i fatti in se ma ... li uso per parlare, in qualche modo, anche di me.
Questa voce è stata pubblicata in Racconti dalla Zattera, Tutte le Categorie. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...