Nessun dorma … che vengon giù i muri

09.11.1989 – 09.11.2014

Di rientro quella sera accesi il televisore, poi mi sono addentrato nel frigo preparandomi a fare razzia di ogni cosa commestibile …silenziosamente e furtivamente perchè era notte e lo testimoniavano l’orologio ed il silenzio  del quartiere.

Tra un boccone e l’altro sento parlare di un muro che cade, a volume basso sento voci e vedo genti con braccia alzate … esultanti.

Tra un boccone e l’altro si moltiplicano immagini … e persone persone festose si fanno fotografare e altre sorridono a favore di telecamera mentre impugnano un piccone e fanno il gesto – e l’azione – di dare colpi contro un muro pieno si scritte e segni.  Uomini e donne festeggiano e stappano spumanti e brindano.

Cade il muro di Berlino, titolano i Tg…e li seguo ancora un po’.

Io con il boccone in bocca che vedo cose di cui percepisco l’importanza ma che non conosco.

“Sono Nato con il muro”- a questo pensavo stamattina lavandomi i denti e guardandomi allo specchio.

Quel muro e la sua caduta l’ho divorato tra un morso e l’altro, l’ho catalogato tra le mie esperienze rilevanti. Non provavo dolore per la sua esistenza perché per il ragazzo che ero quel muro c’era e non rientrava tra le cose che al mondo mi davano fastidio, mi dava più fastidio la barba che tardava a farsi “da vero uomo”.

Ero nato con il muro ed esso non mi dava fastidio.

Più fastidio mi danno i muri che sono venuti dopo, quello fisico e militare che separa Palestina e Israele, quello economico che separa ricchi e poveri, il muro invisibile delle paure, il muro dietro cui si rifugia chi vive la solitudine e l’angoscia.

Ho in fresco una buona bottiglia ed un piccone, per abbatterne sempre più ogni giorno ed in continuazione quanti più muri mi si pongono davanti, a partire dall’impegno di abbattere i miei muri interiori allenandomi ed agendo sempre più l’arte del coraggio di rendermi libero, costi quel che costi.

Se sono contento di non essere andato subito a letto quella sera? Beh si … sono contento, anche perché la notte a digiuno è la più lunga a passare 🙂 … e perché quella notte era bene NON dormire oltre.

daZeroaInfinito.com … nella macchina del tempo .

Ps: voi vi ricordate quando avete appreso la notizia?

Informazioni su da Zero a Infinito

Amo scrivere di ciò che vedo e che sento e penso, non sono obiettivo e non narro i fatti in se ma ... li uso per parlare, in qualche modo, anche di me.
Questa voce è stata pubblicata in Racconti dalla Zattera, Tutte le Categorie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...